La missione di un allenatore: correggere… correttamente

Capita a tutti di sbagliare, soprattutto a dei giovani calciatori in fase di crescita. Tra i compiti di un buon allenatore c’è quello di saper correggere un ragazzo senza offenderlo o farlo sentire in colpa. Ecco 5 atteggiamenti che ti aiuteranno.

Tutti noi commettiamo errori e occasionalmente abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti a diventare migliori in ciò che facciamo. Questo dovrebbe essere sempre l'obiettivo finale della correzione, e ciò è ancor più vero quando si tratta di gestire una squadra e quando a dover svolgere il ruolo di “correttore” è una figura di riferimento come l’allenatore. E’ complicato, ma se sei un coach, non puoi sfuggire a questo ruolo.

Evitare le correzioni impedisce alla squadra di realizzare il suo pieno potenziale e non permette ai calciatori di imparare dai loro errori.  I buoni leader usano la correzione per migliorare l’intero gruppo, ma anche i singoli.

È importante, tuttavia, che saper “correggere correttamente”. Il modo in cui un allenatore gestisce la correzione di un errore è importante se il desiderio è quello di mantenere persone di qualità nella squadra e una buona armonia. Per fare ciò non bisogna mai dimenticare questi 5 aspetti della correzione sana.

  1. Una relazione prestabilita

Le azioni correttive dovrebbero sempre iniziare qui. È difficile correggere le persone in modo efficace se non si ha una relazione con loro. L'utilizzo dell'autorità senza una relazione consolidata può funzionare in un'organizzazione burocratica, ma non in una squadra di calcio.

  1. Rispetto per la persona

Non condannare mai il singolo individuo. Se la correzione diventa più un attacco personale che un aiuto pratico, perderai di valore come leader. Concentra l'attenzione sulle azioni e non sulla persona. Anche se la correzione comporta un problema di carattere, se intendi mantenere il rapporto, otterrai di più facendo capire al ragazzo che lo rispetti.

  1. Parla chiaramente

Assicurati che l'azione correttiva sia chiara e che il calciatore coinvolto sappia cosa ha fatto di sbagliato. Non aspettare che il problema sia troppo grande per intervenire in modo diretto. Anche se proteggere la relazione è importante, il ragazzo non dovrà andare via dal vostro colloquio senza sapere che c'è un problema o quale sia il comportamento che ritieni debba essere corretto.

  1. Sfrutta il momento come opportunità di sviluppo

Oltre a dire alla persona cosa ha fatto di sbagliato, aiutala a imparare dai propri errori. Trascorri del tempo discutendo su come quel ragazzo potrebbe migliorare e forniscigli ulteriori lezioni o chiarimenti se ne ha bisogno.

  1. Rafforza la fiducia

Assicurati che il calciatore che stai correggendo sappia che credi ancora nelle sue capacità e hai fiducia che possa fare un grande lavoro per tutta la squadra. La correzione non è mai facile da accettare, ma l'obiettivo dovrebbe essere quello di migliorare le cose dopo il vostro colloquio.

Indietro
  • #giovanili
  • #allenatore
Altri contenuti