Come motivare i tuoi giovani atleti

Affinché uno sportivo possa raggiungere i propri obiettivi, deve preoccuparsi di avere sempre una motivazione al top: senza il desiderio di migliorarsi ogni giorno, è davvero improbabile raggiungere il successo. Come trasmettere questo concetto ai tuoi giovani atleti?

“Oltre alla condizione fisica occorrono la voglia, la rabbia, la passione, la cattiveria agonistica, la felicità interiore, perché un atleta triste è un atleta che parte sconfitto”. Parola di Alessandro Delpiero. Ma cosa accade quando viene meno quella “felicità interiore”, quella motivazione che ti spinge a metterti in gioco e raggiungere il tuo obiettivo?

Affinché uno sportivo possa raggiungere i propri obiettivi, deve preoccuparsi di avere sempre una motivazione al top: senza il desiderio di migliorarsi ogni giorno, è davvero improbabile raggiungere il successo. Come allenatore ne sei pienamente consapevole, ma come trasmettere questo concetto ai tuoi giovani atleti?

Ecco quattro consigli per alimentare in loro la giusta motivazione.

  1. Scopri il “motivatore” di ogni ragazzo

Ogni ragazzo è un universo a sé stante, che va motivato in modo diverso.Quindi, imparare quanto più possibile su ciascuno dei tuoi giocatori ti aiuterà a mantenerli concentrati e a muoverti nella giusta direzione. Misurare i progressi individuali, ricevere lodi o vincere un trofeo possono essere tutti fattori che incoraggiano i singoli atleti a fare di più.

E’ necessario che tu investa tempo ed energie nella scoperta di ciò che motiva ogni membro del tuo team. Guarda le reazioni e prova a modificare le tue azioni sulla base di feedback verbali e non verbali: una volta raccolte le informazioni, potrai usarle per sviluppare le tue strategie motivazionali.

  1. Spiega il "perché"

“Perché stiamo facendo questo?”. Per far sì che i giocatori facciano del proprio meglio, è necessario che comprendano i benefici di ciò che viene chiesto loro.

Agli occhi di un giovane atleta, gli allenamenti potrebbero apparire ripetitivi e noiosi, determinando così un calo di volontà. Non dare per scontato che tutti i giocatori capiscano perché l’esercizio è importante. Fai notare loro i benefici delle proprie azioni e saranno motivati ​​ad ascoltare le tue istruzioni e lavorare duramente.

  1. Incoraggiare il lavoro di squadra

La nostra natura umana ci spinge naturalmente a creare relazioni: questa sensazione di connessione è ancor più valida quando si cercano “alleati” per raggiungere un comune obiettivo, e quindi per una squadra. Incoraggia gli atleti a conoscersi e coinvolgili in attività di team building. Festeggia i successi del gruppo e consenti ai giovani di costruire relazioni forti, in modo che possano motivarsi a vicenda.

  1. Elogia i successi, non importa la dimensione

I giovani vogliono sentirsi bene e divertirsi. Sottolineare che sono migliorati li incoraggerà a continuare a cercare di ottenere di più. L’elogio dei successi non dovrebbe riguardare solo le vittorie in campo. Se i giocatori portano a termine una dura esercitazione, o svolgono un'attività più lunga di quanto abbiano mai fatto, approfitta di questo momento per farli sentire gratificati. Potresti condividere nel tuo gruppo Spond, per esempio, non solo foto e commenti post-match o informazioni riguardanti la gestione della gara, ma anche momenti riguardanti i risultati ottenuti in allenamento.

Indietro
  • #allenatore
  • #tips
Altri contenuti