Caro allenatore, incoraggia i tuoi giocatori alla creatività

Ogni giovane atleta, all'inizio della sua carriera, dovrebbe essere stimolato a proporre un calcio estroso e creativo e, invece, vediamo spesso incoraggiare un modo di giocare "semplicistico". Non aver paura di rischiare: chiedi ai giocatori di giocare come a loro piace.

“Smettila di fare il Messi della situazione e gioca facile!”. Quante volte ti sarà capitato di ascoltare frasi simili? Probabilmente avrai avvertito su di te il peso dell’oppressione di tali affermazioni. Ogni giovane atleta, all'inizio della sua carriera, dovrebbe essere stimolato a proporre un calcio estroso e creativo e, invece, vediamo spesso incoraggiare un modo di giocare "semplicistico", cinico, volto al risultato e che evita qualche piccolo fallimento in favore del raggiungimento dell’espressione piena delle caratteristiche dei giocatori.

Il dato positivo è che sempre di più, nelle scuole calcio, si sta diffondendo un modello di allenatore che definiremmo “visionario”: un coach motivato alla creazione di un ambiente sereno, in cui i giocatori possano tirare fuori le proprie specificità e la propria creatività, anche se tale scelta richiede più tempo per il raggiungimento di risultati.

In questo articolo, vogliamo condividere con te alcuni metodi per incoraggiare i giocatori di calcio “creativi”, pensati da Kurtis Pottinger, direttore dell’allenamento presso la scuola calcio inglese “Lets Play The Game Ltd”.

Non aver paura di rischiare: chiedi ai giocatori di giocare come a loro piace

Aiuta i tuoi ragazzi nel processo di auto-conoscenza: sarà il primo passo per comprendere qual è il modo in cui loro preferiscono giocare e possono sentirsi liberi di esprimersi. Una volta raggiunta questa consapevolezza, lavora sull’idea che lo sviluppo individuale di questa particolare predisposizione viene ancor prima del risultato di gioco. I ragazzi vorranno comunque naturalmente vincere, ma saranno incentivati a farlo implementando il loro stile personale. A tal proposito, Pottinger dice: “Mi sorprende ancora vedere gli allenatori istruire i propri giocatori 'meno abili' a concentrarsi solo sul dare la palla al miglior giocatore della squadra con ogni mezzo necessario. Ogni membro della squadra merita la tua attenzione. Il tuo focus dovrebbe piuttosto essere puntato su come puoi mantenere ogni giocatore coinvolto nel processo di apprendimento”.

Questo approccio favorirà anche lo sviluppo della fiducia tra i calciatori: ogni volta che giocano, si sentiranno sicuri di andare sul pallone ed esprimersi.

Allena i tuoi ragazzi senza eccessive restrizioni

Per incoraggiare la crescita di giocatori creativi, pianifica sessioni di allenamento meno rigide, affinché i giocatori possano mettere in relazione ciò che stanno imparando con il gioco reale. Secondo Kurtis Pottinger, un buon allenamento dovrebbe incoraggiare i giocatori a risolvere problemi e prendere decisioni su tempo e spazio: “Molti dei migliori calciatori del mondo hanno affinato le loro abilità giocando per strada. In quel contesto, dovendo gestire continuamente situazioni difficili, i giocatori sono costretti a imparare a essere consapevoli di ciò che li circonda mentre sono in movimento. Sebbene non perfetto, il calcio di strada ha posto molte basi per i giovani giocatori nelle prime fasi del loro sviluppo. Come allenatori, dovremmo trovare il modo di portare le cose buone che il calcio di strada insegna ai giocatori nelle nostre sessioni di coaching”.

Favorisci la corsa in possesso di palle

Molti pensano che la creatività nel calcio sia limitata a quando un giocatore fornisce un passaggio o produce numeri di fantasia con il pallone. “Per me, i grandi giocatori creativi sono molto bravi anche quando corrono con la palla. Un giovane giocatore dovrebbe essere incoraggiato ad avere la sicurezza di galoppare con la sfera tra i piedi. Quando i tuoi giocatori sono fiduciosi e iniziano a correre con la palla, possono creare nuovi vantaggi per i loro compagni di squadra”, dice Kurtis Pottinger, ribadendo che “questo può essere insegnato solo se l’allenamento è realistico e incoraggia le decisioni del giocatore su tempo e spazio”.

Indietro
  • #allenamento
  • #fantasia
  • #calcio
Altri contenuti