Calcio a 5: come preparare il portiere?

Le caratteristiche del Futsal rendono necessaria una preparazione specifica e professionale per il ruolo del portiere. Ecco da dove partire.

E’ l’intera squadra a vincere o perdere una partita, ma capita spesso che a fare la differenza sia il portiere (e i tifosi del Liverpool, dopo l’ultima finale di Champions League contro il Real Madrid, l’hanno imparato bene!). Questo è ancor più valido nel Futsal: in questo sport, infatti, il portiere assume sempre di più funzioni nuove rispetto al passato, a causa dei cambiamenti delle regole nel corso degli ultimi anni. Inoltre, la palla pesante e i colpi provenienti da una breve distanza rendono necessario che il portiere di una squadra di calcio a 5 sia ben solido. Tutto questo rafforza la necessità di dedicare una preparazione specifica dedicata alla preparazione di tale ruolo: è fondamentale che l'allenatore dei portieri conosca le basi tecniche e le caratteristiche principali di questi atleti, adattandoli alle situazioni più difficili che si incontrano nel corso di partite e competizioni.

L'importanza del ruolo del preparatore

L'allenamento specifico dei portieri comprende aspetti fisici (agilità, velocità, coordinazione, equilibrio, flessibilità) e tecnici (posizionamento, postura, cadute, difese con gambe e piedi, lanci con la parte superiore e inferiore arti).

Per sviluppare tali caratteristiche, è necessario un lavoro duro e costante, non solo da parte del ragazzo, ma anche del preparatore., una figura che deve essere pronta a assistere e correggere eventuali difetti identificati durante le partite e affrontarli tenendosi in costante aggiornamento con l'allenatore.

Tutte le prestazioni del ragazzo dovranno quindi essere monitorate e controllate con l'uso di "schede tecniche" condivise da allenatori e preparatori. All'interno di tali schede, bisognerà identificare successi, errori e, di conseguenza, gli aspetti su cui dover ancora lavorare.

Le priorità

Se sei un preparatore alle prime armi o stai iniziando a studiare per ricoprire questo ruolo, dovrai focalizzarti soprattutto sul potenziamento di tre aspetti:

  1. Potenziare la reattività, ovvero far reagire l'atleta a uno stimolo esterno come potrenne essere per esempio il tiro forte dell'avversario. In allenamento puoi utilizzare come stimoli la voce, un fischio, il battito delle mani o altri tipi di suoni e segni.
  2. Potenziare la forza: aumentare la massa muscolare magra e ridurre la percentuale di grasso corporeo, che è utile a ridurre le possibilità di infortuni. Puoi svolgere esercizi con elastici, archi e altre risorse.
  3. Allenare l'agilità: questo è indubbiamente il tratto più importante, in assenza del quale è molto improbabile per un atleta riuscire nel ruolo di portiere. Esempi: esercizi con cambi di direzione utilizzando tutti i tipi di materiali (coni, archi, archi, palline da tennis, palline di gomma, palline di vari pesi e dimensioni).
Indietro
  • #allenamento
  • #portiere
  • #futsal
Altri contenuti